genio-babbo

Provaci Eugenio! La letterina di Corini a Babbo Natale, i doni desiderati nel pacco regalo…

voice-corini“Caro Babbo Natale, ti scrivo….”

Il periodo per esprimere desideri è quello giusto. E, in fondo, mettere giù due sogni su una letterina da affidare alle ali della fantasia pensando che giunga in Lapponia, nella casetta di un signore barbuto di rosso vestito, è qualcosa che ci fa tornare tutti molto bambini. E chissà se anche Eugenio Corini, in questi giorni che precedono il Natale (e quindi il calciomercato) è lì anche lui con la penna in mano, tra un allenamento e l’altro, a scrivere la sua letterina.

Proviamo allora – un po’ per gioco e un po’ seriamente – a sbirciare su quel foglietto, per capire insieme cosa potrebbe desiderare il Genio per il suo personalissimo Natale posticipato.

Il regalo più importante dovrebbe essere un attaccante di peso, per alleggerire un po’ le spalle del bravo Nestorovski dal peso di tutta la fase offensiva. Il macedone ha stupito tutti all’inizio del torneo, specie i suoi detrattori, ma ora risente della fama acquisita e dell’incapacità dei compagni di assisterlo adeguatamente in zona gol. C’è bisogno urgente quindi di una punta che fisicamente abbia la capacità di tenere impegnati i centrali soprattutto nel gioco aereo, per dare all’attacco rosanero più soluzioni e per “spizzare” i lanci lunghi consentendo allo stesso Nestorovski di sfruttare la sua furbizia e la sua velocità.

Ma si sa, a Babbo Natale non si chiede mai un solo regalo, e quindi visto che già deve portarci in dono l’attaccante, potrebbe fare tutta una confezione e metterci dentro anche un centrocampista di qualità. Hiljemark e Chochev stanno deludendo parecchio, e il solo Bruno Henrique non basta a dare ai rosa quella capacità di manovra necessaria per mettere in crisi le mediane avversarie. Con Jajalo e Gazzi votati più a disfare che a costruire, ecco che si sente la mancanza di un elemento con piedi buoni e mente veloce. “Insomma – scriverebbe Corini a Babbo Natale – uno che mi somiglia.

natale calcioInfine, in attesa del completo recupero di Rajkovic, giocatore che potrebbe rappresentare il vero “acquisto” del girone di ritorno, nel pacco regalo potrebbe entrarci stretto stretto anche un difensore centrale di esperienza: uno che quando la linea va in crisi sa cosa fare per dare sicurezza al reparto e al giovane Posavec.

Chissà se Babbo Natale esiste davvero. Quando eravamo bambini ci credevamo, e in fondo, noi tifosi non siamo un po’ eterni bambini? Sognare non costa nulla quindi, provaci Eugenio!

 

About Giuseppe D'Agostino

Giuseppe D’Agostino, classe 1966, svolge parallelamente da quasi vent’anni le attività di docente e di giornalista sportivo. Nel 2000 diventa giornalista pubblicista e radiocronista delle partite del Palermo per il gruppo editoriale del Giornale di Sicilia. Dal 2016 passa a Radio Action. Nel 2013 ha scritto il libro “La mia voce rosanero” e nel 2015 ha tagliato il traguardo delle 600 radiocronache in carriera.