PALERMO CALCIO

Conta solo vincere, Tedino adesso si gioca la panchina del Palermo

Quando il patron Zamparini parla e offre pubbliche rassicurazioni all’allenatore di turno non c’è da stare tranquilli, la storia dice questo. E quella contro il Cittadella è una gara da ultima spiaggia per mister Tedino, un’espressione spesso abusata e usata a sproposito ma senza dubbio adeguata in questo momento: non vincere e conseguentemente perdere un’altra occasione nella difficile corsa alla promozione diretta potrebbe risultare fatale per l’ex Pordenone. I risultati decideranno il futuro del tecnico, il gioco (il più delle volte assente) conta relativamente quando siamo in prossimità del termine della regular season di Serie B. Il rischio di non centrare il secondo posto per andare in Serie A senza spareggi è sempre più concreto e non sono ammessi ulteriori passi falsi; il primo posto è già dell’Empoli e adesso è lotta aperta per vincere la volata per centrare la seconda piazza sul podio del campionato cadetto. I nomi per l’eventuale post Tedino sono i soliti (con Stellone in pole), il fatto che Zamparini dichiari che il comandante della nave ha bisogno di aiuto non lascia ben sperare il 53enne trevigiano che sa di essere in discussione al netto delle affermazioni di facciata: già delegittimato dal patron, l’allenatore deve vincere e convincere per non affondare e salvare il posto. Dopo due pareggi interni, neanche il terzo di fila potrebbe bastare: dunque, tre punti per scacciare i fantasmi oppure si potrebbe assistere ad un nuovo ribaltone volto a dare una scossa ad una squadra che sta sprecando tutti i bonus.

Info sull'autore

Redazione RPA

Redazione RPA

RetePalermo.it è news, blog, opinioni e approfondimenti sul mondo dello sport ma non solo. Dal 2018 il magazine ha allargato gli orizzonti. RPA è partner delle trasmissioni televisive “Palla al centro” e “Diretta Stadio”, oltre che di "Sport Time" su Radio Time.