PALERMO CALCIO

Ancora due battaglie per la Serie A, il Palermo si avvicina al sogno promozione

Festa doveva essere e festa è stata, con il Palermo che elimina il Venezia e si qualifica per la doppia finale dei playoff contro Frosinone o Cittadella: la sfidante si saprà nelle prossime ore, con i ciociari favoriti della vigilia per la gara di ritorno. A indirizzare e decidere l’incontro del Barbera (pieno in tutti i settori, rumoroso e colorato come ai tempi belli della Serie A) è l’imbarazzante autorete in avvio: è infatti Domizzi a metterla involontariamente nella sua porta dopo la papera del portiere veneziano, suo il tocco decisivo con Coronado comunque in agguato.

Bella gara, giocata su ritmi medio-alti dalle due squadre e con l’agonismo giusto richiesto da una situazione da dentro o fuori: il Palermo di Stellone ha retto bene il campo, tenendo sotto scacco la difesa avversaria soprattutto nella prima frazione di gioco. Nella ripresa la pressione ospite si è fatta sentire, almeno fino all’espulsione (forse esagerata) di Pinato. Per tutto l’arco dell’incontro, comunque, è stato strepitoso e decisivo Pomini: in almeno tre occasioni, infatti, l’estremo difensore rosanero ha mantenuto la porta inviolata con interventi prodigiosi. Incredibile la respinta di puro istinto con il piede sul colpo di testa di Geijo a metà del secondo tempo. Nel finale clamoroso, ma ininfluente, l’errore dal dischetto di La Gumina che si fa respingere da Audero un rigore gentilmente concesso dall’arbitro Aureliano. L’1-0 finale qualifica meritatamente il Palermo, alla fine è questo ciò che conta e tutto il resto passa in secondo piano: mercoledì e sabato prossimo le ultime due battaglie per andare in Serie A, gli ultimi atti di un campionato lungo ed estenuante per tutti.

Note stonate nella curva dei tifosi ospiti, con i pochi presenti a creare disordini tanto da essere portati via dalle forze dell’ordine. Numerosi i petardi e le bombe-carta esplose nella parte finale dell’incontro, che nel frattempo vedeva il Palermo controllare le ultime sortite degli ospiti. Buono e positivo, nel complesso, il giudizio sui rosanero considerando i 180 minuti disputati contro gli uomini di Pippo Inzaghi, tecnico in ogni caso già in odore di massimo campionato. Se lo dovrà sudare invece Stellone, non nuovo comunque a realizzare simili sogni di gloria…

Info sull'autore

Alessandro Rubino

Alessandro Rubino

Direttore di RetePalermo.it, ha condotto le trasmissioni tv "Palla al centro" e "Mixed zone" su CTS 90 e attualmente partecipa alle trasmissioni radiofoniche sportive di Radio Time. Corrispondente da Palermo per la redazione di SiciliaToday, in passato ha lavorato tra gli altri con Mediagol e Reterete24 ed ha diretto per un anno Sportsbook24 sul circuito nazionale Tuttomercatoweb.