DIRE...blog OPINIONI PALERMO CALCIO PRIMO PIANO

Confermata l’esclusiva di RetePalermo.it, ci ha pensato uno dei soci di Richardson

Sembra già passato un secolo… eppure soltanto una settimana fa Clive Richardson si proponeva, tramite un’intervista al canale Pop Economy, come capo di un gruppo di investitori che raccoglierà l’eredità di Maurizio Zamparini alla guida del Palermo. Il giorno dopo sarebbe arrivata la famosa conferenza stampa di presentazione che ha regalato solo perplessità diffusa, visti i silenzi e gli imbarazzi palesati dai protagonisti. Ma torniamo al giorno prima, alla sera dell’annuncio che ha scatenato la piazza palermitana al termine di una lunga attesa e di ore interminabili senza news.

Lunedì 3 dicembre, a pochissime ore dalla comunicazione di Richardson, mentre si impaginavano i quotidiani del giorno dopo la maggior parte delle informazioni viaggiava inevitabilmente sul web: testate, pagine social, siti e contrositi, gruppi facebook e chat, youtubers, ecc. Tifosi, giornalisti e semplici curiosi tutti a caccia di dettagli: qualcuno ha seguito il flusso, altri per la fretta sono stati poi costretti a rettificare alcuni errori, altri ancora hanno seguito piste che si sono rivelate binari morti. Non siamo qui a discutere e giudicare nessuno, per carità. Erano ore frenetiche, le abbiamo vissute anche noi imboccando con convinzione una via che fin qui ha trovato solo ulteriori conferme.

All’ora di pranzo avevamo fatto sapere tramite la nostra pagina facebook che, come da nostre linee editoriali, non avevamo e non avremmo dato alcun risalto a fantasiose ipotesi e che non avremmo ‘sparato’ nomi senza avere alcun tipo di riscontro. Successivamente, dopo l’intervista di Richardson, ci siamo adoperati per tenere fede alla promessa fatta ai lettori: tra ricerche di notizie e di immediati riscontri, letture e traduzioni, confronti telefonici serrati e incastri di ingannevoli tessere del puzzle, abbiamo pubblicato prima di mezzanotte un’esclusiva (termine del quale NON facciamo abuso, che usiamo con il contagocce) che con i condizionali d’obbligo forniva informazioni differenti da quelle reperibili su tutte le altre testate fino a quel momento. “Ecco i nomi del nuovo Palermo”, il titolo.

Con l’attenzione generale indirizzata verso la Global Future Sports & Entertainment, con annessi e connessi di equivoci ed omonimie che hanno generato tanta confusione, RetePalermo.it ha subito bypassato tutto concentrandosi sulla società veicolo e sui due nomi che vanno a completare il direttivo insieme allo stesso Richardson: “Ad acquistare i rosanero sarà quasi certamente la SPORT CAPITAL GROUP INVESTMENTS LIMITED, scrivevamo indicando anche la creazione della stessa nel giorno della cessione delle quote comunicata dal Palermo e la sede londinese di Percy Street (fin lì si parlava solo di Wenlock Road, indirizzo della ex Roteiro Ltd peraltro modificato il 7 dicembre).

I nomi di Emanuele Facile e, soprattutto, di John Michael Treacy li abbiamo proposti ricordando come uno fosse riconducibile all’advisor Maurizio Belli e indicando l’altro come potenziale effettivo patron essendo il controllante di più del 75% di questa società della galassia di Richardson. Nel giro di poche ore e di pochi giorni, altre realtà (giornalistiche e non) hanno approfondito ulteriormente la pista: in particolare mi piace citare, per diversi motivi ma essenzialmente per la precisione del loro lavoro e per gli interventi durante la conferenza stampa, i colleghi di Rai (Mezzatesta), Repubblica (Tripi) e GdS (Giardina) nonché il gruppo/sito Old Style composto da tifosi appassionati e svegli. E ci scusino e non ce ne vogliano altri colleghi non citati, dei quali riconosciamo comunque il lavoro ed il servizio offerto ai tifosi via giornali, siti, radio e tv. Checché se ne dica, non mancano gli esempi di buon giornalismo.

Ma torniamo alla Sport Capital Group Investments Limited e alla triade Richardson, Facile, Treacy. Mentre il primo si è presentato con il silenzioso Sheehan (divenuto nel frattempo idolo del web), al terzo è stata fatta in questa settimana una sorta di radiografia circa i suoi interessi e movimenti in ambito finanziario (Imaginatik e Polemos sono ormai nomi familiari a tutti): già, sembrano esserci sempre meno dubbi su chi possa essere l’investitore principale nella fase iniziale del nuovo corso rosanero. Per quanto riguarda Facile, registriamo il dettaglio più importante: ai microfoni del TgR ha confermato il nome della compagnia che sta prendendo il controllo del club rosanero. Dunque, ecco la ‘prova’ che pone il sigillo su quanto abbiamo pubblicato sul nostro magazine una settimana fa. Il GdS, inoltre, propone la società Eight Capital Partners come quella che verserà i fondi necessari per l’aumento di capitale: e chi c’è nel board della Eight Capital? John Michael Treacy, proprio lui.

No, non è nostra consuetudine vantarci (chi si loda s’imbroda, si suol dire, dunque lasciamo ad altri questo esercizio) oppure rivendicare chissà che cosa, anzi! Ci preme però sottolineare a tutti i nostri lettori la coscienziosità con la quale svolgiamo il nostro lavoro: mai online senza verifiche, nessuna esclusiva urlata senza motivo, niente ipotesi o nomi buttati lì a caso tanto per scrivere qualcosa. Chi ci segue, tra l’altro, ha notato come sia (volutamente) diminuito il flusso delle nostre pubblicazioni: qui ormai si pubblica soltanto quando abbiamo qualcosa da dire, da comunicare, da commentare. E il pezzo uscito alle 23:58 del 3 dicembre, in tal senso, è il manifesto del nostro patto con i lettori

Info sull'autore

Alessandro Rubino

Alessandro Rubino

Direttore di RetePalermo.it, ha condotto le trasmissioni tv "Palla al centro" e "Mixed zone" su CTS 90 e attualmente partecipa alle trasmissioni radiofoniche sportive di Radio Time. Corrispondente da Palermo per la redazione di SiciliaToday, in passato ha lavorato tra gli altri con Mediagol e Reterete24 ed ha diretto per un anno Sportsbook24 sul circuito nazionale Tuttomercatoweb.