PALERMO CALCIO PRIMO PIANO

Zamparini resta ai domiciliari, revoca respinta: le motivazioni

Maurizio Zamparini resta agli arresti domiciliari. A confermare la misura cautelare è il gip Gioacchino Scaduto, che ha respinto l’istanza di revoca presentata dagli avvocati Antonio Gattuso ed Enrico Marzaduri, basata sugli atti di cessione del Palermo. Il gip ha accolto le tesi contrarie alla revoca dei domiciliari da parte della Procura, che sarebbe ormai prossima a presentare una nuova istanza di fallimento nonostante l’intervento di Mirri (che sta portando comunque i pm ad attendere ulteriori sviluppi).

Zamparini “si è ritrovato, direttamente o indirettamente, attraverso persone di sua assoluta fiducia nella piena disponibilità della società e quindi nella concreta possibilità di condizionare, come in passato, le vicende societarie”. Il gip avrebbe preso atto e ritenuto solide dunque le tesi della Procura in merito alle vicende societarie, come il passaggio del club nelle mani di Foschi e della De Angeli: da qui l’esigenza di impedire a Zamparini di avere margini di movimento e “la commissione di nuovi falsi in bilancio”.

Zamparini resta dunque ai domiciliari: l’ex patron non può incontrare un commercialista per trattare le questioni relative al suo gruppo, ma sono state autorizzate le visite dell’avvocato Andrea Bettini.

Info sull'autore

Redazione RPA

Redazione RPA

RetePalermo.it è news, blog, opinioni e approfondimenti sul mondo dello sport ma non solo. Dal 2018 il magazine ha allargato gli orizzonti. RPA è partner delle trasmissioni televisive “Palla al centro” e “Diretta Stadio”, oltre che di "Sport Time" su Radio Time.