PALERMO CALCIO PRIMO PIANO

Via Stellone, è l’ennesima mossa disperata: ora Delio o nessun altro

Un silenzio che non faceva predire nulla di buono e che, puntualmente, si è rivelato il più classico dei presagi di tempesta. Il Palermo cambia ancora, senza criterio e senza coscienza, a quattro giornate dalla fine di un campionato che, di fatto, potrebbe anche essere l’ultimo di questa società.

Roberto Stellone paga per tutti, vedendosi esonerato per la seconda volta dalla panchina rosanero. Fatale il pari di ieri col Padova, dove decisivo in negativo è stato più l’atteggiamento dopo il gol di Trajkovski da parte della squadra che le scelte iniziali del tecnico campano. Viene da chiedersi se in viale del Fante basino le proprie decisioni da quello che, quasi mai con competenza, viene scritto sui social da tifosi o pseudo tali, dal momento che la decisione di un cambio in panchina, al momento, era l’ultima cosa che questa società (chiunque la governi attualmente) dovesse fare.

Se l’è sempre giocata a suo modo mister Stellone, addolcendo la bocca degli anti-difensivisti e di chi pensava che questa squadra dovesse sempre giocare per darle, più che per non prenderle. L’ex tecnico di Frosinone e Bari paga, soprattutto, i 14 punti su 24 disponibili totalizzati con le cinque squadre che al momento occupano le ultime cinque posizioni in Serie B. Si è parlato di scelte sbagliate a centrocampo nel pari di ieri sera col Padova. Un centrocampo orfano di Jajalo e Chochev, contato negli uomini e ancora meno nella qualità.

Adesso un nuovo arrivo, nuovi metodi, nuove idee, nuove misure da adottare. Inutile e deleterio pensare ad un ennesimo ritorno del buon Tedino, che ha già ampiamente dimostrato come la dimesione di questo Palermo non si fondi al meglio con la sua idea di calcio. Il nome che si aleggia sul ‘Barbera’ è quello di una vecchia e gloriosa guardia rosanero, capace di scrivere la storia di un club che senza Serie A (un terno al lotto i play-off) rischia seriamente di vedersi cancellata per sempre. Delio Rossi avrebbe le stesse carte giocate da Stellone, con magari un pizzico di spinta in più dall’ambiente.

Info sull'autore

Lorenzo Anfuso

Lorenzo Anfuso

Giornalista Pubblicista dal 2012. Ha collaborato in passato con TodaySport, lavorando poi per la rete televisiva siciliana CTS, conducendo il Tg e la trasmissione sportiva "Io Vedo Rosanero". Dal 2014 al 2018 responsabile della comunicazione della società sportiva Aquila Palermo Basket.

Attuale responsabile della comunicazione della società di pallacanestro Palermo Basket, corrispondente per La Prima TV e vicedirettore di RetePalermo.it