PALERMO CALCIO PRIMO PIANO

Un mese per rinascere, dopo la U.S. Città di Palermo: il futuro è adesso

Un mese per rinascere: ci vorrà più o meno un mese per avere un nuovo Palermo, che ripartirà dalla Serie D. Il futuro del calcio nel capoluogo va preparato già in questi giorni, a livello di programmi e di teoria: nella pratica, infatti, bisognerà aspettare le scadenze istituzionali prima di iniziare a parlare di una nuova società concretamente. Tempi tecnici, per cominciare con l’iter già visto a Bari – ma non solo – un anno fa: dal bando del Sindaco (leggi qui cosa ha detto Orlando in conferenza stampa) alla valutazione delle richieste, fino alla scelta definitiva sul prossimo detentore del titolo sportivo che la U.S. Città di Palermo sarà giocoforza destinata a perdere con la mancata iscrizione in Serie B. Solo a quel punto, la nuova proprietà potrà formare una squadra (presumibilmente al 100% nuova, difficile possa rimanere qualcuno se non qualche giovanissimo) e affidarla ad un nuovo allenatore (intanto Marino si accaserà altrove) che dovrà svolgere anche un ritiro minimo chissà quando – non prima di fine luglio – e chissà dove (non è da escludere che la preparazione possa essere svolta in Sicilia, per contenere i costi). Il verdetto definitivo sull’attuale Palermo arriverà tra pochissimi giorni e, se sarà negativo (è più che probabile), si potrà dare il via al processo di rinascita: da Ferrero (in uscita dalla Sampdoria per puntare deciso sul Palermo, leggi qui) a Mirri insieme a Sagramola (e la proposta del Modello Lodigiani, che approfondiamo qui), dagli asiatici di Hong Kong ad altri imprenditori (si rifà pure il nome dell’italoamericano Di Piazza), le proposte di certo non mancano e non mancheranno.

Info sull'autore

Alessandro Rubino

Alessandro Rubino

Direttore di RetePalermo.it, ha condotto le trasmissioni tv "Palla al centro" e "Mixed zone" su CTS 90 e attualmente partecipa alle trasmissioni radiofoniche sportive di Radio Time. Corrispondente da Palermo per la redazione di SiciliaToday, in passato ha lavorato tra gli altri con Mediagol e Reterete24 ed ha diretto per un anno Sportsbook24 sul circuito nazionale Tuttomercatoweb.